Tedino: “Domani gioca Jajalo. L’abbraccio di Nesto? Chiedete a lui”

Pubblicato su RADIO ANTENNA BORGETTO in: SPORT

tedino

Manca solo un giorno al ritorno in campo del Palermo. Domani andrà in scena Palermo-Virtus Entella alle 15:00 allo stadio Renzo Barbera. Una partita che servirà a dare continuità alla vittoria fuori casa contro il Carpi. La classifica è cortissima, vittoria o sconfitta possono fare la differenza. Tedino lo sa e sta preparando la sfida nel migliore dei modi, nonostante un’infermeria che si va riempiendo. Il tecnico rosanero, in conferenza stampa, ha chiarito qualche dubbio: “Siamo abituati dall’inizio a convivere con l’emergenza. Non possiamo farci niente: prima Aleesami, adesso Pawel (ha preso un trauma al quadricipite in una partita molto “maschia”). Lavorare in emergenza ormai è un abitudine, ma non un alibi. Dobbiamo fare il nostro percorso”.

Nel prossimo match servirà dare il massimo: “L’Entella si difende molto bene, ha molta gamba e riparte con De Luca in velocità. Fare il nostro potrebbe non bastare per fare i tre punti. Non sempre abbiamo avuto una rosa all’altezza. Abbiamo provato poco il modulo, ma non credo giocheremo con la difesa a 4″.

La promozione non è scontata: “Come sistemi non abbiamo cambiato spesso, ma soprattutto per motivi contingenti di infortuni e assenti, meno per gli avversari. A Carpi abbiamo fatto una buona prestazione: non mi è sembrato giusto gettare fango sul gruppo per una sconfitta in 3 mesi. Io rendo conto ad un club ed una città, nessuno può mettere in dubbio l’impegno. Ovviamente la promozione non è una passeggiata, è un percorso lungo e difficile. Per assenze e per l’impegno ravvicinato sarà una gara difficile. Anche negli episodi dobbiamo essere più decisi e credibili: siamo riusciti a ingigantire anche il Novara che ha fatto 2 gol su 2 tiri e mezzo in porta”.

PALERMO-VIRTUS ENTELLA: PROBABILI FORMAZIONI

Serve sempre umiltà e fame di vittoria, altrimenti si rischia di perdere: “I ragazzi hanno dimostrato tanti pregi, ovviamente anche qualche difetto; però dopo 25 minuti contro l’Empoli eravamo già con il caffettino in bocca. Quando questa squadra capisce che deve mettere umiltà e pareggiare la voglia degli altri, allora possiamo giocarcela. Altrimenti la paghi. Se la squadra farà una grande partita come atteggiamento, che non deve mai mancare, allora sarò contento. Ovviamente qualcuno a causa degli infortuni dovrà fare degli straordinari”.

La scelta di usare una sola punta è solo tattica: “Un solo attaccante non è una scelta legata né all’emergenza né agli avversari. Non si possono “regalare” giocatori agli avversari, serve equilibrio. Siamo convinti che con questo tipo di soluzioni possiamo fare bene. Nessuna squadra del mondo riesce a fare 100 minuti all’attacco”.

Sull’abbraccio di Nesto, spiega: “Dovete chiederlo a lui. Nel calcio alle volte i gesti e le cose che si vedono sono reali, non te li può portare via nessuno. I fatti restano. Se siamo un gruppo, lo si deve a quanto fatto insieme. Se si sgretola questo atteggiamento, diventa tutto più difficile. A Novara secondo me ci sono rimasti male loro e io, come un figlio che tradisce le aspettative, consapevoli di un bel rapporto e di valori importanti”.

VIRTUS ENTELLA, LA LISTA DEI CONVOCATI

Per Murawski sono previsti tre giorni di riposo: “Szyminski ha avuto una botta in testa e alla caviglia, Pawel si è fatto male. Murawski ha giocato quasi sempre. I tre polacchi non sono arrivati in una grandissima condizione, sono stati sempre al gancio in ogni allenamento, sempre al massimo. Hanno bisogno di un pit stop, non gestiscono niente e vanno sempre a cento all’ora. Loro non dicono mai niente, anche quando stanno male vogliono giocare. Erano stanchi e con 3 partite in una settimana e bisognava gestirli. Anche Gnahoré adesso è in una fase di calo, ma è un giocatore importante. Bisogna usare il bilancino perchè i ragazzi rischiano di farsi male”.

Su Rispoli: “Quando un ragazzo decide di staccare la spina in ottica cessione, lavora diversamente: tira indietro la gamba, se sbaglia pazienza. Poi ha avuto bisogno del tempo per ritrovare condizione. Anche se ha 30 anni vuole sempre imparare e da lui mi aspetto ancora un ulteriore salto di qualità“.

Rajkovic non sta ancora bene: “Non so chi l’abbia scritto, ma non è a posto. Lavora in gruppo, ma non sta bene ancora. Ha un atteggiamento e modo di allenarsi da campione, un esempio. Avrà bisogno di almeno 15 giorni per rivederlo pronto sul piano agonistico. Adesso non può essere schierato, però lo stiamo reinserendo nei ritmi di allenamento e prendere contatto con la palla”.

TRAJKOVSKI BOCCIATO: CESSIONE A GENNAIO?

Tedino torna sulla partita contro il Novara: “Ormai è dimostrato che andare in vantaggio aiuta, ma noi abbiamo fatto una prestazione insufficiente. Se vai scanzonato nel quartiere malfamato, ti rubano tutto. Se stai attento questo non accade. Il problema è l’atteggiamento, la sconfitta ci può stare. Il vantaggio avrebbe cambiato poco: forse ci saremmo accontentati. A Foggia eravamo sott’acqua e abbiamo reagito. Se questi ragazzi lavorano e migliorano il loro atteggiamento possono crescere ancora”.

Rolando si è infortunato di nuovo, infermeria piena: “Prima ha avuto un infortunio muscolare, ora una frattura che se la pigliavo io stavo in ospedale per 3 mesi. Lui ha tenuto duro. Abbiamo fuori anche Aleesami e per ora saremo certamente in difficoltà. Si può studiare tutto in teoria, ma la pratica è un’altra cosa. Fiordilino può giocare dappertutto ma serve gamba e resistenza. Szyminski ha la caviglia gonfia, ma se mancasse gioca Accardi. Nel reparto difensivo non abbiamo molti giocatori pronti all’uso”.

Sarà necessario attingere dalla Primavera o far affidamento al calciomercato? “Per quanto riguarda la Primavera, in questo momento non possiamo attingere troppo: sono bravi ma devono crescere. Bellusci: torna fra una decina di giorni. Aleesami circa 15. Sul mercato, non credo sia necessario prendere nessuno. Preferisco far giocare Accardi che prendere un giocatore nuovo che ha bisogno di un mese per inserirsi. Fiordilino può anche essere impiegato tutta fascia invece. La Gumina si sta allenando benissimo, Monachello sta rientrando e mi sta piacendo. Darò anche a loro delle possibilità, hanno giocato in molti e darò delle possibilità anche a loro”.

Domani gioca Jajalo: “Gli chiederò di non sentire il brusio della gente. Quando è entrato ha sempre fatto ottime prestazioni. Jajalo ha schermato e ha fatto un lavoro straordinario, mi aspetto che faccia le stesse prestazioni in casa come quelle in trasferta. E non è un problema di testa: se fa 10 cose giuste e poi ci si accorge di quella sbagliata è difficile. Prima o poi il pubblico si ricrederà su di lui come con Struna. Vero che Struna ha cambiato ruolo, ma anche lui vive di queste situazioni. Bisogna essere cattivi sempre”.

Su Coronado, conclude: “Ha dato tanto in condizioni difficili, è un giocatore che vorremo fosse sempre al 100%. Nell’ultimo mese però non è successo, non è sicuramente in condizione. Però è sicuramente un giocatore irrinunciabile per noi”.

LEGGI ANCHE:

PALERMO, UN PO’ “SCIENZA” E UN PO’ “FANTASCIENZA” 

PALERMO, ROLANDO E DAWIDOWICZ SI ROMPONO

EMBALO: “NESTO, CHE ASSIST! ECCO A CHI DEDICO IL GOL”

L’articolo Tedino: “Domani gioca Jajalo. L’abbraccio di Nesto? Chiedete a lui” proviene da Stadionews24.

Lascia un commento