Danno fuoco a 14 auto per farsi ‘notare’ dai boss, 2 arresti a Paternò: in manette anche un minorenne

Pubblicato su RADIO ANTENNA BORGETTO in: CRONACA

Per farsi ‘notare’ nell’ambiente criminale locale, anche dalla criminalità organizzata, avrebbero dato fuoco dai primi mesi di quest’anno, dopo averle cosparse di liquido infiammabile, a 14 autovetture parcheggiate nelle strade di Paternò (Catania).

Per questo motivo i carabinieri hanno arrestato un giovane di 20 anni, Giuseppe Fiorello, ed un 17enne. Le motivazioni degli incendi sono emerse da alcuni messaggi vocali intercorsi in chat tra i due.

I militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa al termine di indagini coordinate dai sostituti procuratori Fabio Saponara e Silvia Vassallo, rispettivamente della Procura etnea e della Procura per i Minorenni del capoluogo. Il minorenne è ritenuto inoltre responsabile di due rapine commesse a Paternò ai danni di una farmacia e di un negozio di calzature nel gennaio scorso.

I due erano stati bloccati il 2 marzo scorso mentre erano a bordo di un’auto dai militari nel corso dei servizi predisposti
dalla Compagnia di Paternò in zone diverse del centro abitato per reprimere gli incendiari . Le loro caratteristiche fisico
somatiche erano risultate corrispondenti a quelle degli autori degli incendi appiccati nelle settimane registrate da vari
sistemi di videosorveglianza. In quella occasione erano stati denunciati.

Il maggiorenne è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza, il minorenne nel carcere per i minorenni di Bicocca.

L’articolo Danno fuoco a 14 auto per farsi ‘notare’ dai boss, 2 arresti a Paternò: in manette anche un minorenne sembra essere il primo su BlogSicilia – Quotidiano di cronaca, politica e costume.

Lascia un commento